cerca nel sito Enrico Maria Radaelli
Sito di metafisica e teologia per un progetto culturale cattolico Aurea Domus Aurea Domus Aurea Domus

All’Attacco!

Cristo vince.

Il nuovo libro di
Enrico Maria Radaelli.

HOMEPAGE > EIKÒNA INDICE

EIKÒNA.

SCRITTI SULLA TRADIZIONE ARTISTICA
INTORNO AL LOGOS DIVINO.

* * *


I
NDICE DEI DOCUMENTI E INTRODUZIONE.

Enrico Maria Radaelli
Il Mistero della Sinagoga bendata
,
estratto del § 9:
Benedetto Antelami.
di fronte al Cristo deposto
i popoli sono due:
Chiesa e Sinagoga.

Enrico Maria Radaelli
Il Mistero della Sinagoga bendata
,
estratto del § 10:
Strasburgo.
due Chiese
al servizio del re.


Enrico Maria Radaelli
Il Mistero della Sinagoga bendata
,
estratto del § 11:
Giotto: la Sinagoga,
testimone di nozze.

Enrico Maria Radaelli
Il Mistero della Sinagoga bendata
,
estratto del § 12:
Una vetrata lombarda:
la Sinagoga davanti all’eternità.


Enrico Maria Radaelli
L'ARTE COME KOINÈ DEL LOGOS DIVINO NELLA STORIA.
Conferenza tenuta a Milano,
presso l'Università Ambrosiana,
Dipartimento di arte sacra,
maggio 2001.


Enrico Maria Radaelli
ANALOGIE TRA VERITÀ E BELLEZZA IN SAN TOMMASO.
Conferenza tenuta a Roma, presso la Pontificia Università Lateranense,
Corsi di estetica del Prof. Horst Seidl, 26 maggio 2004.

Intervista di Radici Cristiane a E. M. Radaelli, a cura di Luca Marcolivio
il fine piÙ nobile
dell’arte È permettere
la conoscenza di dio.

Anno 4, dicembre 2008, pp. 91-3.

Camillo Langone

perchÉ i grattacieli non possono dirsi cristiani.

Articolo pubblicato su « Il Foglio » il 19 settembre 2008 col titolo: “L’Anticristo abita al 53° piano”.

Enrico Maria Radaelli *
Ingresso alla bellezza.
Fondamenti a un’estetica trinitaria.
dalla lectio VII:
monteverdi e le due armonie.

 
   
   

Aurea Domus - Metafisica e teologia cattolicaINTRODUZIONE.

Aurea Domus - Metafisica e teologia cattolicaC’è forse un nesso tra l’arte (la creazione artistica), e il Logos divino? Cosa ha a che fare la Parola trinitaria, il Principio eterno di ogni discorso che si fa nell’universo, con la sua forma, la sua espressività, cioè con la sua bellezza, con la sua forma artistica? Il nesso c’è, ed è altissimo: infatti espressione ed espressività sono due generi, ma due generi che appartengono allo stesso principio, così come Verbo e Immagine sono i due nomi personali del Figlio. 1 [Cfr. San Tommaso, Summa Theol., I, q. 34, a. 2: Se Verbo sia un nome proprio del Figlio; q. 35, a. 2: Se Immagine sia un nome proprio del Figlio.]
Aurea Domus - Metafisica e teologia cattolicaSicché l’arte, nel suo concetto di espressione artistica pura e gratuita, non avrebbe altro scopo che raggiungere la perfezione della forma da dare a qualcosa, con una determinata materia, per rappresentarne un’altra che altrimenti resterebbe inconoscibile. Forse l’arte sta al pensiero come questo alla realtà: bisognerebbe studiare a fondo il circuito che lega la realtà alla parola nella metafora per scoprire i tesori dell’arte.

Aurea Domus - Metafisica e teologia cattolicaSembra poi che, se nel mondo non esistesse la necessità di comunicare superando l’opaco diaframma della materia, la necessità della rappresentazione in gran parte cadrebbe. Un’importante condizione della creazione artistica come rappresentazione sarebbe che per conoscere qualcosa sia necessario rappresentarla con una sua immagine. Cioè a dire che se non ci fosse un dentro e un fuori, se non ci fossero i muri tra le cose, un corpo a racchiudere le anime, se non vi fosse un qui e un là, cadrebbe la necessità di rappresentare fuori ciò che è dentro, qui ciò che è altrove, al sole ciò che è in ombra.
Aurea Domus - Metafisica e teologia cattolicaMa il diaframma della materia moltiplica l’esigenza dell’immagine, non la crea. Infatti gli angeli e i beati non vivono (anche) di bellezza? E la vita in Dio non è per definizione massimamente bella? Dunque, tornando al Figlio, i cui nomi personali sono Verbo e Immagine del Padre, si intuisce che rappresentazione mentale (verbo) ed espressione (immagine) sono connessi intimamente, così da poter dire che l’immagine esprime il verbo, e il verbo dice l’immagine. Ogni pensiero dà luogo a una immagine e viceversa. Noi non sappiamo come si configuri, nella purezza della trascendenza del purissimo Spirito divino, il Verbo nell’Immagine: dobbiamo accontentarci di saper intuire la realtà di quell’operazione attraverso le sue doviziose vestigia profuse nel creato.

Aurea Domus - Metafisica e teologia cattolicaInoltre rappresentare implica immediatamente anche rappresentare bene, cioè compiutamente, e anche subitamente, e semplicemente, e armoniosamente, e perfettamente, e moralmente e, specialmente, veridicamente: il bello è la sintesi di tutte queste categorie: raggiungendo esse in un certo modo, tempo e luogo il loro maximum, meravigliano.
Aurea Domus - Metafisica e teologia cattolicaIl sublime meraviglia. L’arte meraviglia. La forma prosaica non meraviglia, non incanta, non giubila. La forma poetica invece, ovvero l’arte del fare il bello, che è più del fare, rapisce, estasia, e anche quasi un po’, nel giubilo, stordisce.
Aurea Domus - Metafisica e teologia cattolicaOra, se si pensa al Logos divino come ci è stato rivelato, nel mistero della seconda Persona della santissima Trinità, dobbiamo riferirci necessariamente, come dice la Scuola, non genericamente a un qualunque pensiero, a una qualunque parola, ma a un pensiero precisamente d’amore, a un pensiero di caritas, tale essendo il Verbum: 2 [Cfr. San Tommaso, Summa Theol., I, q. 43, a. 5, ad 2. ] il Verbum dice sì al Padre, consente con trasporto ineffabile nella beatitudine della bellezza della volontà del Padre.

Aurea Domus - Metafisica e teologia cattolicaQuesto assentimento sublime del Figlio al Padre è la prima cosa che si ritrova poi nelle creature: nei loro verba e nelle loro imagines, in una variazione infinita che va dalla partecipazione più densa alla più rarefatta. Dalla più ricca, fertile e splendida alla più miserabile. E come il Figlio propriamente è il progettista e l’artefice dell’universo, oltreché modello esemplare e analogato dello stesso (irraggiungibile ma pur tutto da raggiungere), così i figli del Figlio divengono per partecipazione gli artefici e i progettatori di quegli altri assentimenti al Padre che sono i loro verba e le loro imagines: le opere con le quali vogliono cantare le ricchezze trovate nei loro cuori e partecipare a loro volta ad altri cuori, e prima di tutto al cuore di Dio in somma adorazione, le dovizie meravigliose dell’amore divino riversato sulla terra attraverso il Figlio.
Aurea Domus - Metafisica e teologia cattolicaC’è allora un nesso tra l’arte, o creazione artistica, e il Logos divino? Il nesso c’è, è sacro, è sublime: è il Figlio stesso, e tanto quanto l’arte in tutte le nove sue muse dice il Figlio, in quella misura impalpabile ma pure certissima e sicura l’arte è arte, così che su quella meraviglia e su quel rapimento l’anima dell’uomo umile artista al sol vederla beato si riposa.

* * *

(Pagina protetta dai diritti editoriali.)

* * *

Aurea Domus - Metafisica e teologia cattolicaInizio pagina

HOMEPAGE · CONVIVIUM · ACÙLEUS · HORTUS · GYMNASIUM
ROMANO AMERIO · THESAURUS · CALENDARIUM

Sito realizzato da BLUQUADRO