cerca nel sito Enrico Maria Radaelli
Sito di metafisica e teologia per un progetto culturale cattolico Aurea Domus Aurea Domus Aurea Domus
Florilegio di pagine scelte dai libri di Enrico Maria Radaelli.
MISCELLANEA DI ARTICOLI EDITI E INEDITI DI ENRICO MARIA RADAELLI.
Raccolta delle conferenze di Enrico Maria Radaelli.
ANTOLOGIA DI RECENSIONI, OBIEZIONI E CARTEGGI SUGLI SCRITTI DI ENRICO MARIA RADAELLI.
Collezione critica degli scritti filosofici e teologici inediti di Romano Amerio.

HOMEPAGE > HORTUS CONCLUSUS INDICE


H
ORTUS CONCLUSUS.

RACCOLTA DELLE CONFERENZE
DI ENRICO MARIA RADAELLI.
*

* * *


I
NDICE DEI DOCUMENTI E INTRODUZIONE.


Loreto, 9 maggio, Aula Paolo VI,
Delegazione Apostolica della Santa Casa.
il sorriso di dio,
il sorriso dell’uomo
Lectio Magistralis, tenuta su invito
dell’Osservatorio Medico
“Ottaviano Paleani”.


Enrico Maria Radaelli
ANALOGIE TRA BELLEZZA
E VERITÀ IN SAN TOMMASO.

Conferenza tenuta a Roma,
Pontificia Università Lateranense,
Corsi di estetica del Prof. Horst Seidl,
26 maggio 2004.


Enrico Maria Radaelli
L'ARTE COME KOINÈ DEL LOGOS DIVINO NELLA STORIA.
Conferenza tenuta a Milano,
Università ambrosiana,
Dipartimento di arte sacra, maggio 2001


Enrico Maria Radaelli
romano amerio
pone il problema.
romano amerio
dÀ la soluzione.
Conferenza tenuta alla presentazione
dei primi due volumi dell’Opera omnia
di Romano Amerio, Iota unum
e Stat Veritas, nei tipi Lindau.
30 ottobre 2009,
Roma, Sala della Biblioteca Angelica.

Autori Vari
ROMANO AMERIO,
IL VATICANO II E LE VARIAZIONI DELLA CHIESA CATTOLICA
NEL XX SECOLO.

Sommario degli Atti del Convegno
del Centro Studi Oriente Occidente
su Romano Amerio nel I decennale
della morte; Ancona, 9 novembre 2007,
editi da Fede & Cultura, ottobre 2008;
(Con inedito di Romano Amerio).

Enrico Maria Radaelli
in principio era il verbo, non l’amore (errori dalla ‘dislocazione delle essenze trinitarie’.
Ancona, 9 novembre 2007,
Dagli Atti del Convegno promosso
dal Centro Studi Oriente Occidente
su Romano Amerio, I decennale della morte; Fede & Cultura, ottobre 2008.

 

Enrico Maria Radaelli
LE RAGIONI DEL SILLABO,
LE RAGIONI DI UN SILLABO.
Conferenza tenuta
al III Convegno di Studi Albertiani,
“ Pio IX, il dogma dell'Immacolata
e il Sillabo”
Milano, Sala degli affreschi di
Palazzo Isimbardi, 27 novembre 2004.

Enrico Maria Radaelli
ROMANO AMERIO:
VERITÀ E TRADIZIONE.
Dagli Atti del Convegno italo-svizzero
tenuto su Romano Amerio
nel I Centenario della nascita,
Lugano, 29 gennaio 2005;
« Cenobio » - Casagrande Editore,
Lugano - Milano, gennaio 2006.


Enrico Maria Radaelli
metafisica delle tre
“grandi religioni monoteiste”:
Cristianesimo,
ebraismo e islam.
Conferenza tenuta a a Parma,
Circolo Agostino De Torri,
30 ottobre 2004.

 


Aurea Domus - Metafisica e teologia cattolicaINTRODUZIONE.

Aurea Domus - Metafisica e teologia cattolicaHortus conclusus è detto un luogo segreto e arcaico. È il giardino dei monasteri: quadrangolare, a simboleggiare i quattro angoli dell’universo, con al centro un albero che allude alla vita e un pozzo o fontana, eterna sorgente della conoscenza.
Aurea Domus - Metafisica e teologia cattolicaLa retorica del discorso scritto, quando ad esempio raccoglie dei pensieri da stendere in un articolo per una rivista, oltre che alla sostanza delle cose da dire è funzionale idealmente a convincere, nel lettore, un ricettore predisposto a una valutazione riflessiva per la cui formazione questi può tornare e ritornare, girando lo sguardo e il pensiero sulle stesse righe e sulle stesse parole.

Aurea Domus - Metafisica e teologia cattolicaNell’esposizione oratoria di una conferenza, per contro, la retorica ha necessità di tendersi a un convincimento istantaneo dell’uditore, poiché l’oratore non può ripetersi se non per sottolineare un passaggio o per proporre sotto plurimi aspetti un medesimo fatto, ma giammai può dire e ridire le stesse parole. Dunque nel linguaggio fàtico il fattore temporale è decisivo, tanto da determinare la forma del discorso: breve. Dopo venti minuti Cicerone, Quintilliano e Tertulliano sapevano che dovevano aver portato in aula la materia centrale della argumentatio, pena la sua liquidazione.

Aurea Domus - Metafisica e teologia cattolicaSicché, mentre in uno scritto sono utili strumenti alla comprensione i titoletti di eventuali paragrafi, il rimando alle note, la presenza di citazioni,la frequenza dei capoversi, gli stessi caratteri di stampa e la forma tipografica, nella conferenza emergono alcuni strumenti estranei alla parola, strumenti per così dire scenici: i gesti, gli sguardi, gli abiti, il volto dell’oratore, i quali incidono sulla comprensione del pensiero talvolta più di quanto possa fare di per sé lo stesso pensiero.
Aurea Domus - Metafisica e teologia cattolicaEcco perché non sempre grandi scrittori sono grandi oratori e viceversa. E non c’è chi non veda che, se da una parte lo scritto presenta la parola nella maggiore sua nudità di parola, per cui si avrebbe in esso una raggiunta purezza, dall’altra è evidente l’imme-diatezza del pronunciato, e non solo l’immediatezza, ma il suo più forte imperio a trascinare di fronte agli intelletti giudicanti l’oratore stesso, perché a tale pronunciato partecipa la persona in tutta la sua visibilità: i suoi gesti, i suoi occhi, la sua figura, le sue vesti.

Aurea Domus - Metafisica e teologia cattolicaDa qui si ha allora un punto importante da cogliere intorno alla parola: che il legame stretto tra essa e la persona è tale che la persona fa parola: la proferisce dopo averla intuita e dopo averla formulata; ma egualmente la parola fa persona: dice la persona, determina e denuncia la persona, conclude e stringe la persona nel suo atto sommo: il pronunciamento. E niente è testimone della persona come la sua parola.
Aurea Domus - Metafisica e teologia cattolicaLa parola non è pronunciata solo da quella bocca, ma da tutto quel corpo, e più ancora: da tutti quegli affetti emergenti in e da quel corpo; infine da tutti i pensieri che hanno portato quel corpo, da fuori e da dentro di esso, a essere quel corpo: la parola è pronunciata dalla sostanza individua umana che si chiama persona. E così come quella persona fu formata da una parola, da una decisione, da un progetto a essa precedente, così quella persona si esprime ed è la parola che dice, tanto che tutta la sua vita viene giudicata dall’ultima sua parola, e in ogni momento della sua vita essa percorre la strada percorsa dalla diversità o dalla eguaglianza delle sue parole.

Aurea Domus - Metafisica e teologia cattolicaEcco spiegato perché allora le conferenze e le orazioni tenute da un uomo possono ben chiamarsi Segreto Giardino, Hortus Conclusus: perché in esse si può cogliere come in pochi e rari avvenimenti molto più di un concetto astratto – come spesso si crede – essendo quell’intima sostanza persuonata in una maschera misteriosa e in fondo non del tutto controllabile, detta e uscita in un soffio in cui essa è tutta e tutta vive. Nelle orazioni si coglie l’oratore stesso.
Aurea Domus - Metafisica e teologia cattolicaQuesta relazione è in intima analogia con il Mistero dell’Incarnazione, per il quale l’identità delle due essenze: di parlato e di parlante, è in Cristo identità di sostanza che si coidentifica anche con la pura verità. Nell’uomo peccatore invece il rapporto con la verità è relativo al rapporto di fede da lui tenuto nel Cristo, quindi è un rapporto di partecipazione al Cristo, per cui la coincidenza del suo parlato con la verità dipende dalla purezza della sua fede.

Aurea Domus - Metafisica e teologia cattolicaA riguardo del soggettivismo, infine, che parrebbe adombrato nell’affermazione: « la persona fa la parola », bisogna dire che essa è giusta fino a che con ciò non si dice “fa la verità”, perché una cosa è la parola, altra la verità. Tuttavia, quando vi è identità tra parola e verità, allora la persona fa anche la verità, come dice la Scrittura: « Qui autem facit veritatem, venit ad lucem » (Ioan., III, 21), in partecipazione a quanto fa il Cristo. In tale senso partecipativo, per dono di grazia l’uomo, oltre che fare la verità, in qualche modo fa anche Cristo.
Aurea Domus - Metafisica e teologia cattolicaIn questo senso il significato di Hortus Conclusus è anche più denso, assumendo la pregnanza trascendente che gli è ingenita in quanto termine scritturale. È in questo senso che anche qui va letto.

* * *

(Pagina protetta dai diritti editoriali.)

* * *

Inizio pagina

HOMEPAGE · CONVIVIUM · ACÙLEUS · HORTUS · GYMNASIUM
ROMANO AMERIO · EIKÒNA · THESAURUS   · CALENDARIUM 

 
dth="39" height="64" align="center" valign="bottom" background="../img/colonna.gif">