cerca nel sito Enrico Maria Radaelli
Sito di metafisica e teologia per un progetto culturale cattolico Aurea Domus Aurea Domus Aurea Domus

HOMEPAGE > GYMNASIUM INDICE >
RECENSIONE SU « UNA VOX »


R
ECENSIONE SU
« INTER MULTIPLICES UNA VOX ».


I
L lIBRO DI ENRICO MARIA RADAELLI:
IL MISTERO DELLA SINAGOGA BENDATA.

Recensione di Calogero Cammarata su « Inter Multiplices Una Vox »,
Foglio d’informazione per la Tradizione Cattolica, anno V, n. 1, aprile 2004.

 

Aurea Domus - Metafisica e teologia cattolicaSe si pone mente al fatto che l’ideologia “pacifista” è diventata una delle colonne portanti dell’azione pastorale della Chiesa, a partire dal Concilio Vaticano II, si può guardare al libro di Enrico Maria Radaelli, Il Mistero della Sinagoga bendata, come ad una di quelle sopravvenienze quasi provvidenziali che spesso intervengono per contribuire al necessario raddrizzamento a fronte di un andazzo incontrollato e sovvertitore.
Aurea Domus - Metafisica e teologia cattolicaDopo aver pubblicato la prima edizione di questo testo (si veda la nostra segnalazione dell’aprile 2002), Radaelli ha ritenuto opportuno ampliarne il contenuto, proponendo una nuova edizione del tutto rivista e corredata di importanti “appendici”.

Aurea Domus - Metafisica e teologia cattolicaIl volume, di ben 438 pagine, si articola nello svolgimento dei quattro temi centrali già presentati nella prima edizione: Continuità e discontinuità tra Mosè, Gesú e il Sinedrio; Monoteismo e trinitarietà; Se la religione ebraica oggi sussista; Se la dottrina della sostituzione della Sinagoga con la Chiesa possa essere sostituita.
Aurea Domus - Metafisica e teologia cattolicaQuesta ultima edizione del libro trova la sua prima giustificazione in quella che è ormai divenuta, anche all’interno della Chiesa, la “questione ecumenica”, fattore portante della pastorale conciliare e postconciliare, nonché dell’impegno personale di Giovanni Paolo II.
Aurea Domus - Metafisica e teologia cattolicaSi usa dire che, sulla base delle condizioni oggettive in cui si trova il mondo moderno, non è possibile prescindere dall’ecumenismo (intercristiano e interreligioso): l’incontro e la collaborazione tra le diverse religioni sarebbe essenziale per contrastare i più gravi problemi che affliggono i popoli del pianeta: la guerra, la fame, l’ingiustizia, l’angoscia esistenziale, l’oppressione, il fanatismo, ecc.

Aurea Domus - Metafisica e teologia cattolicaIn qualche modo si è giunti al convincimento che questi problemi richiedano un impegno primario, tale da poter perfino sacrificare la stessa predicazione del Vangelo, che, secondo un certo strano e stolto modo di vedere, non potrebbe neanche darsi senza una risposta adeguata ai detti problemi.
Aurea Domus - Metafisica e teologia cattolicaIn sostanza, per cercare di porre rimedio alle storture tipiche di un mondo che sempre più si è allontanato dagli insegnamenti divini, non si fa altro che ridurre la portata di questi insegnamenti, affidandosi ad un immaginario potere taumaturgo dei fattori minimi che sono presenti in tutte le filosofie diffuse nel mondo. Una sorta di buona volontà umana che dovrebbe avere una efficacia maggiore degli insegnamenti divini.

Aurea Domus - Metafisica e teologia cattolicaÈ in questa ottica che va collocato il lavoro di Radaelli. La sua principale preoccupazione è di richiamare il valore imprescindibile della Verità, senza la quale non è possibile alcuna condivisione e quindi alcun ecumenismo. In modo specifico, l’Autore si propone di chiarire qual è il senso vero dei rapporti che possono intercorrere tra le tre religioni monoteiste. Il fatto che cattolicesimo, ebraismo e islamismo si richiamino ad un Dio unico, il Dio di Abramo, è sufficiente a giustificare un loro avvicinamento, non solo pragmatico, ma anche dottrinale?
Aurea Domus - Metafisica e teologia cattolicaRadaelli cerca di dimostrare che senza la condivisione dei valori fondamentali, si può solo giungere a dei compromessi tra la Verità e l’errore, e quindi all’inevitabile disconoscimento della Verità: il che può solo significare confusione, disordine e morte.
Aurea Domus - Metafisica e teologia cattolicaPuò parlarsi di continuità tra Abramo, Mosè e Gesù? Radaelli mostra, nel primo capitolo, come la lettura del Vecchio Testamento, una corretta lettura “spirituale” come dice San Tommaso (p. 20), porti incontestabilmente all’annuncio del Messia che è il Cristo. Cosí che la religione di Abramo è la religione di Cristo, e il Dio di Abramo è il Dio di Gesù: è Gesù stesso, l’Unto del Signore, il Cristo di Dio.

Aurea Domus - Metafisica e teologia cattolica« Non è il Cristo che è fuori dall’Alleanza e dalla figliolanza di Dio … ma Israele se ne recide e se ne allontana: si recide per vanagloria dalla radice soprannaturale che lo teneva unito a Dio …» (p. 21).
Aurea Domus - Metafisica e teologia cattolica« Non riuscendo i giudei, per peccato d’orgoglio, a vedere nelle Scritture l’umile uomo-Dio Gesù Cristo, quello stesso peccato li fa traguardare a dismisura, in se stessi, nient’altro che se stessi, cadendo così, come profetato, in un peccato ancora più grande di quello dell’orgoglio: il peccato di idolatria, anzi: di autoidolatria » (p. 23).
Aurea Domus - Metafisica e teologia cattolica« Una minoranza di purissimi ebrei, invece, cioè prima poche centinaia, poi tremila, poi cinquemila, poi ancora migliaia e migliaia, dispone l’intelletto all’accoglimento della parola delle Scritture aperta da Gesù e se ne lascia penetrare con semplicità d’animo » (p. 27).

Aurea Domus - Metafisica e teologia cattolicaDa quest’ultima citazione si coglie uno degli aspetti più interessanti e meno esaminati della questione ebraica. In genere si tratta il problema come se da un lato ci fosse il giudaismo e dall’altro il cristianesimo, qualcosa di estraneo e sopraggiunto che si porrebbe in contrasto col primo. In realtà non v’è alcuna discontinuità tra giudaismo e cristianesimo: dopo la venuta e la predicazione del Signore, entrambe attuate in seno all’àmbito giudaico, il giudaismo si converte in cristianesimo, nella piena continuità tra Abramo, Mosè e Gesù. Quello che accade è che una parte del popolo giudaico rifiuta questa conversione, rifiuta cioè questa continuità, limitandosi ad osservare quanto era sopravvissuto della regola mosaica, ormai ridotta a puro letteralismo, rinnovato e corretto proprio dalla Incarnazione del Verbo.

Aurea Domus - Metafisica e teologia cattolica Questo processo di conversione del popolo ebraico si sviluppa poi nel corso della predicazione degli Apostoli, effettuata principalmente nelle sinagoghe distribuite in tutta l’area greco-romana, Roma compresa. È questo il dato di partenza, da considerare al di là della sua consistenza numerica, dato che conferma come il giudaismo fosse destinato a rinnovarsi totalmente sulla base degli insegnamenti di Cristo. Tale che il cristianesimo è l’unico legittimo continuatore della tradizione abramica, mentre il perdurante giudaismo ne è una deviazione, come sarà, sei secoli dopo, per l’islam.
Aurea Domus - Metafisica e teologia cattolicaQuesto aspetto del problema viene sviluppato dall’Autore nel terzo capitolo, ove si può leggere: « Credono, i giudei di oggi, a ciò che credettero gli ebrei di ieri? In proposito, alla venuta di Cristo si sono stabilite due grandi correnti interpretative dell’Antico testamento: la corrente giudaica dell’attuale Sinagoga di farisei, principi e sacerdoti, la quale nega nelle Profezie ogni simbolica trinitaria e cristica; e la corrente ebraica costituita dagli Apostoli, che pone le sue più ferme indicazioni nelle esegesi che dei sacri Versetti ha fatto, primo fra tutti, quello che si potrebbe dire l’Ebreo per antonomasia: Cristo stesso » (p. 132).
Aurea Domus - Metafisica e teologia cattolica« La sentenza del Sinedrio stabilisce come lama affilata i termini della scelta, tutti coloro che credono in un Dio che si immola per indicare all’uomo la strada stretta della salvezza, tutti questi formano nei secoli il popolo dei discendenti di Abramo: la Chiesa. Essi non sono imparentati spiritualmente con altri se non con Dio, di cui sono infatti gli unici figli adottivi. … È bene spazzare via secolari malintesi. Per esempio che ci sia una religione ebraica fondata da Abramo - o da Mosè - e un’altra religione fondata da Gesù di Nazareth: due Alleanze, una temporanea, l’altra definitiva, non sono infatti due religioni…» (p. 165).

Aurea Domus - Metafisica e teologia cattolicaDa questi concetti, secondo i quali il giudaismo trova il suo completamento e la sua continuità solo nel cristianesimo, discende quella che la Chiesa ha sempre chiamata la “dottrina della sostituzione”, che l’Autore affronta nel quarto capitolo del libro. Tale dottrina è implicita nello svolgimento del terzo capitolo, così che nel quarto l’Autore semplicemente la approfondisce, rifacendosi principalmente agli sviluppi odierni di tale dottrina, i quali, basati sulla primaria esigenza neoconciliare di un ecumenismo a tutti i costi, costituiscono una vera e propria negazione di questa stessa dottrina. In tali sviluppi moderni, ciò che colpisce, in primo luogo, è la pretesa di rileggere i Padri della Chiesa alla luce del procedere della storia, come se i loro insegnamenti riguardassero le mutevoli vicende umane piuttosto che gli stessi insegnamenti divini.
Aurea Domus - Metafisica e teologia cattolica« “Soprattutto gli scritti di Paolo - continua padre Ardusso - hanno potuto beneficiare delle recenti ricerche ed acquisizioni. Con molta attenzione i revisori hanno eliminato ciò che poteva essere interpretato come una ‘teologia della sostituzione’ da parte della Chiesa nei confronti del popolo d’Israele, quasi che non fosse più il popolo eletto”. Eccoci al vertice del problema che tanto angustia i nuovi esegeti e i loro mandanti novatori, ovvero i periti ricercatori di novità e di invenzioni e le autorità ecclesiastiche più alte. … Se un testo è capace di essere interpretato in modo che ne discenda una certa dottrina, e viene invece corretto, anche solo in nota e/o nei titoli dei paragrafi, in modo che questa dottrina non ne possa più discendere, quel testo è stravolto, quel testo è falsificato, quel testo è un altro testo » (pp. 246-247).
Aurea Domus - Metafisica e teologia cattolica« Il dogma da confermare invece è questo: che la Chiesa sostituisce nella via dello spirito un popolo che a quella via divina ha preferito quella carnale, a un re virtuoso nel soffocamento del proprio Io ha preferito Cesare, cioè un re con un Io che lo fece padrone di tutta la Terra. È così che anche San Tommaso illustra la dottrina, tanto da affermare, in lezioni oggi facilmente dimenticate, che i seguaci di Cristo possono ben dirsi più ebrei degli stessi ebrei, come visto (Cfr. In evangelium Ioannis expositio, cap. XIX, lectio III) … Se la Chiesa non fosse aderente con tutto il suo essere alla Dottrina della sostituzione, dovrebbe di conseguenza accettare una fede parallela alla propria in un altro Messia ancora da venire » (pp. 254-255).

Aurea Domus - Metafisica e teologia cattolicaVi è un altro aspetto della questione che tocca il cuore del “problema ecumenico”, e che l’Autore esamina ed approfondisce, ed è l’aspetto della concordanza tra i diversi “credi” del monoteismo ebraico, di quello islamico e di quello cristiano. In realtà, come abbiamo detto prima, se di concordanza si volesse parlare occorrerebbe constatare che tale concordanza è fondata sui principi, ma questo non corrisponde alla realtà, poiché, come dimostra l’Autore nel secondo capitolo (Monoteismo e trinitarietà), vi è una profonda e sostanziale differenza tra il Dio unico, come lo credono gli ebrei e i musulmani, e il Dio Unitrino, come lo credono i cristiani. Differenza che non tocca solo aspetti collaterali della questione, ma si pone al centro della questione stessa, poiché il credo monoteista ebraico e musulmano esclude ogni possibile accettazione dell’Incarnazione, della Passione, della morte e della Resurrezione del Figlio di Dio, di Gesù Cristo, che è invece l’elemento portante e assolutamente ineludibile del credo cristiano, appunto. Il Dio dei due monoteismi, ebraico e musulmano, non è, sotto ogni aspetto, il Dio Unitrino rivelato dal Signore Gesù, cosí che a nessun titolo di potrebbe parlare di qualsivoglia “concordanza” tra le “tre religioni monoteiste”. E il problema diventa ancora piú complesso e sempre piú carico di implicazioni negative, allorché si pensi che la riduzione del cristianesimo al monoteismo “comune” alle tre religioni, implica necessariamente l’abolizione del Cristo e della Chiesa.

Aurea Domus - Metafisica e teologia cattolicaL’Autore si muove in questa direzione, sviluppando un ragionamento che parte dalla confutazione delle dichiarazioni delle massime autorità della Chiesa attuale, per giungere, sulla scorta dei Padri e dei Dottori della Chiesa, alla evidenza che la Rivelazione, da Abramo a Gesù, presuppone, implica ed esplicita l’elemento primario della Trinità del Dio rivelato: Padre, Figlio e Spirito Santo.
Aurea Domus - Metafisica e teologia cattolica« Dire che cristianesimo, giudaismo e islamismo esprimono “un identico monoteismo” in “tre espressioni” è eguagliare l’ineguagliabile o innalzandone due o abbassandone una. … Inoltre, prima ancora, in quanto cristiani dobbiamo tener presente, ragionando su Dio, che la nostra fede differisce dalle altre non solo quando professiamo di credere in Dio in quanto trinitario, ma anche quando semplicemente professiamo la fede in Dio come unico Dio. … San Tommaso d’Aquino … precisa: “l’incredulo manca della vera conoscenza di Dio, e con una conoscenza falsa a lui non si avvicina, ma si allontana maggiormente”. Cosa questa che si può constatare facilmente sia per i giudei che per i maomettani » (p. 78).
Aurea Domus - Metafisica e teologia cattolica« Il divino conversare della Trasfigurazione sta a dire che, come sottolinea San Tommaso, i conduttori dell’Antica Alleanza conobbero in velis la Trinità, conoscendo e credendo il Figlio, in qualche modo comunque questi credettero » (p. 71).

Aurea Domus - Metafisica e teologia cattolica« Credere la fede maomettana o giudaica è non credere al sangue di Cristo, è non prendere parte all’atto supremo della sua transustanziazione per cui noi diveniamo … di lui partecipanti. Questa partecipazione, però, non è da ritenersi come atto successivo alla fede, come sua conseguenza; le è invece proprio, come dice il Cristo: “Chi crede in me ha la vita eterna”. » (p. 85).
Aurea Domus - Metafisica e teologia cattolica« Non è possibile fare a meno del Cristo, poiché senza di lui niente è stato fatto di tutto ciò che è stato fatto, materiale e spirituale, della realtà terrena e della realtà religiosa. Non solo quindi non ci sono altri monoteismi che non siano quello trinitario del Dio rivelato da Cristo, ma non ci sono altre religioni, altre fedi, che facciano scendere il Cielo soprannaturale nei nostri cuori, se non quella da Cristo rivelata » (p. 116).

Aurea Domus - Metafisica e teologia cattolicaLa rilevanza che ha il testo ai fini di una corretta comprensione della “questione ecumenica”, è messa in risalto nella Introduzione al testo, redatta da Mons. Antonio Livi (Cappellano di Sua Santità e professore ordinario della Pontificia Università Lateranense). In realtà, quella che abbiamo chiamata la “questione ecumenica” non tocca solamente coloro che diffidano o si oppongono a questa nuova impossibile commistione tra la depositaria della verità, che è la Chiesa, e i diversi sostenitori della negazione della verità rivelata, che sono i giudei, i musulmani e tutti gli altri; ma tocca molti uomini di Chiesa preoccupati della relativizzazione della religione cattolica.

Aurea Domus - Metafisica e teologia cattolicaScrive Mons. Livi: « …ai giorni nostri l’operazione politica dell’ideologia pacifista ha buon gioco nel suo progetto di omologare a sé anche la cultura teologica, perché l’indifferentismo e il relativismo dogmatico sono già penetrati in ampi settori dell’opinione pubblica cristiana, anche tra i cattolici, tanto che la Chiesa ha dovuto intervenire (senza molto successo, purtroppo, almeno per ora) con il documento chiarificatore intitolato Dominus Iesus » (p. II).
Aurea Domus - Metafisica e teologia cattolicaE ancora: « La dottrina di ebrei e musulmani non è quindi da intendersi come sapienza religiosa che può diventare un avviamento alla fede cristiana: … non è un innocuo “monoteismo” integrabile nella dottrina cristiana, ma una alternativa radicale e assoluta. Il dogma della Santissima Trinità è scandalo per gli ebrei e bestemmia per l’Islam, perché chi concepisce Dio secondo la dottrina ebraica o islamica non è in alcun modo disposto ad accettare la rivelazione che Cristo ha fatto della sua natura divina e del suo rapporto con Dio Padre e con Dio Spirito Santo. Si dirà che si tratta di rilevamenti scontati, ovvii: ma riflettere seriamente su questa ovvietà, per poi metterla in rapporto critico con la prassi, è quanto ha fatto Radaelli con questo libro » (p. VI).

Aurea Domus - Metafisica e teologia cattolicaCalogero Cammarata

Aurea Domus - Metafisica e teologia cattolica

* * *

(Pagina protetta dai diritti editoriali.)

* * *


Inizio pagina

HOMEPAGE · CONVIVIUM · ACÙLEUS · HORTUS · GYMNASIUM
ROMANO AMERIO · EIKÒNA · THESAURUS · CALENDARIUM 

Sito realizzato da BLUQUADRO