cerca nel sito Enrico Maria Radaelli
Sito di metafisica e teologia per un progetto culturale cattolico Aurea Domus Aurea Domus Aurea Domus

HOMEPAGE > GYMNASIUM INDICE
ARTICOLO DI ANTONIO LIVI
/2


I
DEOLOGIE E RELIGIONE.


IL DIALOGO TRA CRISTIANESIMO, EBRAISMO E ISLAM.
UN LIBRO DI RADAELLI E QUALCHE POLEMICA.

Un articolo di Mons. Antonio Livi.
(Pagina 2)


Aurea Domus - Metafisica e teologia cattolica(Segue da p. 1) Partendo dalla premessa (falsa) che di per sé ogni religione, se ritenuta vera, produce intolleranza, fanatismo e conflitti, si insiste nel costringere le confessioni religiose negli angusti e innaturali spazi di un “minimo comun denominatore”, che (guarda caso) coincide con il Dio del deismo settecentesco, quello che è invocato dalla Massoneria a garanzia di un ordine politico nel quale la religione non deve avere alcuna influenza pratica.
Aurea Domus - Metafisica e teologia cattolicaIn tal modo il pragmatismo politico, animato dall’ideologia del pacifismo, utilizza oggi la categoria sociologica (non teologica) del “monoteismo” come strumento concettuale per imporre l’indifferentismo, mostrando un atteggiamento di tolleranza solo per una religione che non si ritenga vera (depositaria di una verità divina) ma soltanto etnicamente e storicamente rilevabile, e pertanto giustificabile se ricondotta a un generico “senso religioso” di stampo deistico, che esclude l’ipotesi di una Rivelazione divina e pertanto il dogma.


Aurea Domus - Metafisica e teologia cattolicaIl dogmatismo diventa così l’avversario ideologico principale: e infatti ritorna sempre nella propaganda ideologica l’equazione (falsa) “dogmatismo = intolleranza e guerra”. Una religione che osi presentarsi come l’unica vera, a differenza di altre che pure sono “monoteistiche”, va condannata, combattuta, se possibile eliminata.
Aurea Domus - Metafisica e teologia cattolicaE ai nostri giorni l’operazione politica dell’ideologia pacifista ha buon gioco nel suo progetto di omologare a sé anche la cultura teologica, perché l’indifferentismo e il relativismo dogmatico sono già penetrati in ampi settori dell’opinione pubblica cristiana, anche tra i cattolici, tanto che la Chiesa ha dovuto intervenire (senza molto successo, purtroppo, almeno per ora) con il documento chiarificatore intitolato Dominus Iesus. 1 [Cfr Congregazione per la Dottrina della Fede, “Dominus Iesus”: Dichiarazione circa l’unicità e l’universalità di Gesù Cristo e della Chiesa, 5 settembre 2000.]

Aurea Domus - Metafisica e teologia cattolicaII. Ora, l’assunto di Radaelli – se ho ben compreso la sua argomentazione – è proprio questo: l’opinione pubblica all’interno della comunità dei credenti dovrebbe rendersi conto della manovra ideologica nella quale è stata implicata; deve prendere di nuovo coscienza del primato che spetta alla Rivelazione divina – come unica verità salvifica, in quanto culmine e compendio della storia della salvezza – nell’àmbito religioso; deve tornare a vivere la vita cristiana come vita di fede autentica, una fede che sia adesione di tutta la persona alla verità rivelata, orientando la propria vita al Dio uno e trino che si è rivelato in Gesù Cristo, subordinando alla verità divina tutti gli altri interessi e valori in gioco, a cominciare proprio dalla politica (perché la religione non diventi “instrumentum regni”).
Aurea Domus - Metafisica e teologia cattolicaInsomma, la comunità dei credenti, anche a livello di pubblica opinione, deve riscoprire la specificità della fede cristiana, incentrata sul dogma della Trinità. È la Trinità che noi adoriamo, è da lei che ci attende la nostra personale salvezza e tutto ciò che vi è connesso (compreso il bene comune temporale), è da lei che ci attendiamo di essere un giorno beatificati potendola contemplare faccia a faccia.

Aurea Domus - Metafisica e teologia cattolicaIII. Così ho letto il libro di Radaelli, e con questa lettura mi sono sembrate convincenti tante sue argomentazioni, e mi sono sembrate opportune tante sue riflessioni; mi sono sembrate sostanzialmente giuste – al di là delle espressioni verbali, forse talvolta irriguardose nei confronti dei legittimi Pastori – anche le sue osservazioni sull’opportunità di gestire i rapporti con le altre religioni in un modo che rischia di ingenerare nell’opinione pubblica cattolica quel relativismo dogmatico di cui parlavo; sono sicuro che queste osservazioni non intendono assolutamente alimentare quella critica faziosa di persone e istituzioni che tanto male ha sempre fatto (e oggi più che mai fa) alla vita ecclesiale, ma vogliono essere semplicemente un richiamo a interpretare bene ciò che avviene all’interno della Chiesa, senza scandalizzarsi di alcunché ma senza nemmeno ignorare i problemi, assuefarsi all’errore o addirittura contribuire a diffonderlo.
Aurea Domus - Metafisica e teologia cattolicaLa Chiesa, infatti, è quel campo seminato del quale parla Gesù: Dio creatore e redentore vi ha seminato il buon grano, ma il Nemico vi ha poi seminato anche la zizzania, approfittando del fatto che « gli uomini dormivano » (Matth., XIII, 25); ora (nel tempo che va dalla fondazione della Chiesa fino alla Parusia) il grano cresce assieme alla zizzania, e la zizzania non la si può estirpare, perché occorre attendere la fine dei tempi, quando Dio interverrà a purificare interamente e a santificare definitivamente la sua Chiesa.
Aurea Domus - Metafisica e teologia cattolicaNel frattempo, se qualcuno di noi, accorgendosi del pericolo di appartenere a quanti “dormono”, fa tesoro del dono della fede viva e della buona dottrina per avvertire del pericolo della zizzania, non può che fare opera meritoria.
Aurea Domus - Metafisica e teologia cattolicaQuesto è appunto, ai miei occhi, l’aspetto positivo – in quanto costruttivo – del lavoro di Radaelli.

Aurea Domus - Metafisica e teologia cattolicaIV. LE RAGIONI DELLA FEDE. Mi sembra giusto, peraltro, spendere qualche parola per chiarire il senso del mio intervento
Aurea Domus - Metafisica e teologia cattolicaIo non pretendo certamente di garantire, su una base di una specifica e riconosciuta autorevolezza ecclesiologica, la correttezza del discorso che Radaelli fa in questo libro, sia sul piano della teologia dogmatica (Trinità e Chiesa) che sul piano della pastorale (catechesi per i fedeli e dialogo interreligioso); io intendo piuttosto avvalermi della mia competenza gnoseologica per segnalare quest’opera sulla fede cristiana per l’eccezionale rigore logico che ne garantisce l’intrinseca coerenza, e pertanto la plausibilità.

Aurea Domus - Metafisica e teologia cattolicaSi tratta di un pregio solo apparentemente formale (in una riflessione scientifica sulla dottrina della fede, quale è la teologia, il rigore logico tocca direttamente i contenuti, ossia l’intellectus fidei), che io ho apprezzato come filosofo, specialista appunto di logica aletica, ma che ho apprezzato soprattutto perché in questo caso la plausibilità dell’argomentazione è al servizio di una migliore comprensione della verità di fede, anzi è l’unico modo con cui si può fare teologia come servizio ecclesiale.
Aurea Domus - Metafisica e teologia cattolicaDovrebbe essere evidente, peraltro, che l’intervento di un filosofo cristiano in un dibattito sulla fede cristiana non è abusivo. Il fatto che la questione affrontata sia squisitamente teologica non toglie che anche un filosofo – soprattutto se interessato, come lo sono io, alla logica della fede 2 [Cfr Antonio Livi, Razionalità della fede. Un’analisi filosofica alla luce della logica aletica, Leonardo da Vinci, Roma 2002.] – abbia qualcosa di importante da dire in merito.
(Vai alla pagina 3 di 4)

Aurea Domus - Metafisica e teologia cattolica

* * *

(Pagina protetta dai diritti editoriali.)

* * *

Inizio pagina

HOMEPAGE · CONVIVIUM · ACÙLEUS · HORTUS · GYMNASIUM
ROMANO AMERIO · EIKÒNA · THESAURUS · CALENDARIUM 

Sito realizzato da BLUQUADRO