cerca nel sito Enrico Maria Radaelli
Sito di metafisica e teologia per un progetto culturale cattolico Aurea Domus Aurea Domus Aurea Domus

HOMEPAGE > GYMNASIUM INDICE >
RECENSIONE SU « IL FOGLIO »

Marco Burini, su «Il Foglio », sabato 14 giugno. 2008, p. X:

RECENSIONE SU « IL FOGLIO ».


IL lIBRO RECENSITO:

INGRESSO ALLA BELLEZZA.
FONDAMENTI A UN’ESTETICA TRINITARIA.

Verona, Fede & Cultura, 2007, pp. 399, € 30,00.

 

Aurea Domus - Metafisica e teologia cattolica Il vaticanista dell’Espresso, Sandro Magister, qualche tempo fa lo ha additato come opera « di prima grandezza » all’interno del panorama teologica nostrano.
Aurea Domus - Metafisica e teologia cattolica Un libro che sbalordisce per l’inattualità dell’impresa, elaborare « un’unitaria teoria generale della realtà » (scritto in maiuscoletto e grassetto – abbellimenti tipografici sono disseminati con fanciullesca sovrabbondanza in tutto il corpo del testo) servendosi di una disciplina scientifica anomala, la filosofia dell’estetica, poggiata però su due colonne millenarie, il sillogismo e la proporzione aurea.

Aurea Domus - Metafisica e teologia cattolicaIn effetti in queste pagine si vola alto, salendo senza indugi negli « altipiani della Bellezza » senza alcuna voglia di tornare a terra. Perché « il problema dell’uomo è il problema dell’adorazione, e tutto il resto è fatto per portarvi luce e sostanza » come recita in esergo l’aforisma di Romano Amerio (1905-97), solitario filosofo ticinese di cui Radaelli è allievo e continuatore. Ne discende che la filosofia dell’estetica coincide con una dotta speculazione sul mistero trinitario, cui si accede tramite lo splendore atemporale della liturgia.

Aurea Domus - Metafisica e teologia cattolicaIn effetti questo saggio lascia a bocca aperta per il sereno e totale disinteresse nei confronti della storia. O meglio, secondo l’autore tutto si decide con « l’arbitrario impazzimento della Storia posto in atto da Cartesio, l’intellettuale che scarta il sì della realtà per il no che al fondo è il dubbio scettico », spalancando così la strada a Lutero, che rompe con l’ottimismo cattolico e inaugura l’umanesimo incattivito, e agli artisti moderni, panteisti e pagani che hanno abbandonato la lezione dei loro illustri predecessori. Tra i quali Radaelli predilige Caravaggio, che fu un perfetto divulgatore del verbo tridentino al pari del Bellarmino.

Aurea Domus - Metafisica e teologia cattolicaRicco di risonanze gesuitiche – non a caso ha trovato credito alla « Civiltà Cattolica » – il saggio di Radaelli ha il piglio di un trattato in difesa della verità della fede lasciata in balia di troppi faciloni e insidiata da nemici oscuri e potenti (la massoneria è un suo chiodo fisso).
Aurea Domus - Metafisica e teologia cattolica Secondo l’interpretazione dell’autore, infatti, la Chiesa raccoglie oggi i frutti avvizziti di una deriva remota. Bisognerebbe ripartire dalla più pura metafisica neotomista, ma i segnali lo sconfortano. (Una volta tanto, registriamo un attacco da destra alle istituzioni ecclesiastiche).

Aurea Domus - Metafisica e teologia cattolica« Le greggi istupidite arianeggiano, i Pastori le lasciano fare, le voci critiche belano, perché la comune cultura è infettata da una comune lebbra, il naturalismo di satana », diabolico in quanto « ultrapelagiano »: « Lo schianto dell’adorazione volge intere generazioni al compiacimento delle opere proprie, senza considerare per nulla la Croce, in una distorta concezione della Grazia ». Parole non proprio leggere. E dire che altrove Radaelli era stato più tranchant, anche nei confronti dell’attuale Pontefice che qui viene però riabilitato, grazie soprattutto alla sua decisione di liberalizzare la Messa in latino.

Marco Burini

* * *

(Pagina protetta dai diritti editoriali.)

* * *

 Inizio pagina

HOMEPAGE · CONVIVIUM · ACÙLEUS · HORTUS · GYMNASIUM
ROMANO AMERIO · EIKÒNA · THESAURUS · CALENDARIUM 

Sito realizzato da BLUQUADRO