cerca nel sito Enrico Maria Radaelli
Sito di metafisica e teologia per un progetto culturale cattolico Aurea Domus Aurea Domus Aurea Domus

HOMEPAGE > GYMNASIUM INDICE >
RECENSIONE SU CR

 

TERZA RECENSIONE SU
« CORRISPONDENZA ROMANA »

(« Corrispondenza Romana », n. 1019/07, 1 dicembre 2007.)


IL lIBRO RECENSITO:

INGRESSO ALLA BELLEZZA. FONDAMENTI A UN’ESTETICA TRINITARIA.

Verona, Fede & Cultura, 2007, pp. 399, € 30,00.


Aurea Domus - Metafisica e teologia cattolicaL’ultima opera del prof. Enrico Maria Radaelli, noto come autore dello studio Il Mistero della Sinagoga bendata (cfr. CR 819/05), si intitola Ingresso alla bellezza. Fondamenti a un’Estetica trinitaria, ed è libro che, come sottolinea Mario Palmaro in copertina, pare cadere da ben altri secoli. Non un semplice saggio di estetica, ma un’opera teologica e filosofica in cui l’Autore sottolinea l’origine e la destinazione cristiana di un’autentica « scienza del bello » o kallologia, contro ogni ipotesi semplicemente “greca”. Egli si spinge più in là della stessa esperienza scolastica, in una sorta di creativo prolungamento, sul piano della conoscenza estetica, del cuore della metafisica tomista. Questo cuore è il mistero del Deus Trinitas. Diviene dirompente in tal senso la nozione di immagine (imago) che, già fondamento a ogni estetica, è anche e soprattutto uno dei due nomi – assieme a quello di Verbum – del Figlio di Dio. È così gettato un ponte tra la dimensione del “bello” e quella del “vero”. Alla luce di tale legame la prospettiva del bello non emerge solo come strumentazione estetica, ma anche e soprattutto gnoseologica: ogni realtà di pensiero ha un aspetto “teatrale”, così come ogni realtà figurale ha in sé una portata noetica, nozionale: perfetta reciprocità tra logos e volto, tra pensiero e linguaggio.

Aurea Domus - Metafisica e teologia cattolicaIn questa continua corrispondenza tra piano estetico e piano veritativo si gioca tutto il nucleo teorico del volume, che procede con ricca varietà di argomenti a sviluppare questa « estetica tomista ». Tale estetica si prolunga e riverbera anche in antropologia, in filosofia della storia, in liturgia (salienti le pagine dedicate al Novus Ordo e al Rito Romano, nella LECTIO XIX).
Aurea Domus - Metafisica e teologia cattolicaNaturalmente vi sono anche diverse analisi dedicate più propriamente alla storia dell’arte, come quelle dedicate a Caravaggio, visto come parossistico spartiacque tra un’arte legata all’idea (e dunque eo ipso sacra) e un’arte legata al « concreto naturale ». Con la pittura del « concreto naturale » l’Autore tiene a mostrare che anche attraverso artisti come Caravaggio la Chiesa si rivela essere l’unica Polis capace di tenere le posizioni gnoseologiche realiste – dunque antirelativistiche – conseguenti la ragione, giacché « il realismo pittorico, che dà congruenza ai gesti, logicità alle sequenze, plastica verosimiglianza alle espressioni facciali, è permesso, è plausibile, è pensabile, ed è attuabile, solo se previamente si accetta che conoscere si può. Se, all’opposto, non si può, ovvero se non esiste una griglia oggettiva e universale chiamata conoscenza, tutti i dipinti di tutti i pittori del mondo non sono altro che spennellate di colori che se anche fossero tutte nere direbbero uguale: cioè non direbbero nulla » (p. 309).

Aurea Domus - Metafisica e teologia cattolicaA partire dal concetto di imago, l’Autore individua nella « relazione » la chiave di volta che tiene in piedi il creato; tale chiave, celata ai greci, era con la Rivelazione però evidente a san Tommaso: la relazione, fondamento della pace, dell’amore e pure del linguaggio e dell’arte, « discende direttamente dalla ss. Trinità », ed è patrimonio esclusivo dei cattolici, i quali hanno così, di fronte alla scienza, una responsabilità culturale enorme.
Aurea Domus - Metafisica e teologia cattolicaIngresso alla bellezza è un libro vasto, le cui pagine oscillano tra un massimo mistico-poetico e un massimo scientifico, in modo tale da presentarsi come espressione di quel tradizionalismo, tomismo e antimodernismo che sta riguadagnando consenso nella Chiesa, di cui contesta alla radice il larvato processo di secolarizzazione che sta attraversando per rimanere al passo con i tempi (si leggano le pagine dedicate alla microfonia nelle chiese o all’architettura sacra contemporanea!). (a. be.)
Aurea Domus - Metafisica e teologia cattolica[Ingresso alla bellezza. Fondamenti a un’Estetica trinitaria, Fede & Cultura, Verona, 2007, pp. 401, euro 30.00].

* * *

(Pagina protetta dai diritti editoriali.)

* * *


Inizio pagina

HOMEPAGE · CONVIVIUM · ACÙLEUS · HORTUS · GYMNASIUM
ROMANO AMERIO · EIKÒNA · THESAURUS · CALENDARIUM 

Sito realizzato da BLUQUADRO