cerca nel sito Enrico Maria Radaelli
Sito di metafisica e teologia per un progetto culturale cattolico Aurea Domus Aurea Domus Aurea Domus

HOMEPAGE > GYMNASIUM INDICE >
CROCE, AMERIO E L’ANTIFASCISMO


I
NTELLETTUALI E FASCISMO:
COLPA DI CROCE?

.
IL RUOLO DELLA FILOSOFIA IDEALISTICO-IMMANENTISTA
DI BENEDETTO CROCE NELLA FORMAZIONE DEL FASCISMO.

Corrispondenza pubblicata su « Sole/24Ore » n. 66, 7 marzo 2004, p. 28.


Aurea Domus - Metafisica e teologia cattolicaEgregio Signor Emilio Gentile, vorrei aggiungere una postilla al Suo articolo « sui rapporti tra Mussolini e gli intellettuali » (Domenicale n. 52, 22 febbraio 2004): finalmente qualcuno accenna in qualche modo alle cause metafisiche che portarono molti (ma non tutti) ad aderire veementemente al fascismo, cioè a ciò che volle apparire un grandioso moto di rinnovamento. Non a caso Lei bene cita Renzo De Felice, per il quale l’esperimento si basava sulla « affermazione del primato della politica ».

Aurea Domus - Metafisica e teologia cattolicaCon questo Lei aiuta il lettore a intuire che il motore di questo « dinamismo » “rivoluzionario” va cercato nei piani alti della metafisica: nella indebita dislocazione delle essenze, per la quale il trono da sempre tenuto dall’idea viene spodestato dall’atto (il primato della politica) a opera della metafisica germanica idealista. Lo dice bene Romano Amerio, filosofo italiano di Lugano scomparso nel ’97, che, mai flesso al fascismo, annotava: « Quando si rinfaccia a Benedetto Croce di avere nel senato italiano votato e sostenuto il fascismo ben oltre il delitto Matteotti, si rileva cosa secondaria. Il fatto primario si è che la filosofia crociana (pari in questo alla filosofia gentiliana) covò il fascismo, diffondendo in Italia le dottrine antidemocratiche dell’idealismo alemannico e quelle del Sorel. In sostanza Croce professa il machiavellismo, per il quale il criterio è il fatto » (Aforisma 276).

Aurea Domus - Metafisica e teologia cattolicaIl fatto, non l’idea, diviene motore alla storia. Come mostro in un mio studio di prossima pubblicazione (Scusi, posso dirle la verità? Romano Amerio e il ferimento del Verbo divino), Amerio rifiutò le insistenti profferte di padre Gemelli, che lo voleva alla sua nascente Università Cattolica, attendendo forte animo la disfatta del fascismo per sostenere (a 46 anni!) gli esami per la libera docenza in filosofia.

Aurea Domus - Metafisica e teologia cattolicaAmerio, al contrario di Moravia, Brancati, Bobbio, Zangrandi, Lajolo, e altri, rimase intimamente antifascista prima, durante e dopo l’invasata corsa di uomini che non avevano riconosciuto al Verbum divino la signoria sulla Storia, con la visione della Storia perfetta, amorosa e generativa che Egli in sé ha e che Egli è, come insegna la metafisica cattolica (S. Tommaso, S. Th., I, q. 34, a. 3., ad 4: « Dio, intendendo se stesso, intende tutte le creature »). D’altronde: come avrebbe potuto il filosofo che denunciò per tutta la vita la prepotenza dell’atto sull’idea, sul Verbo, aderire all’antivita?

Enrico Maria Radaelli
Aurea Domus - Metafisica e teologia cattolica

Aurea Domus - Metafisica e teologia cattolicaGentile Signor Radaelli, devo innanzitutto precisare che la definizione del totalitarismo come « affermazione del primato della politica », da lei citata, è mia, e non di Renzo De Felice, che comunque la condivideva. Questa precisazione è necessaria per chiarire quel che intendo dire quando affermo che l’esperimento totalitario fascista ha affascinato molti intellettuali.

Aurea Domus - Metafisica e teologia cattolicaI motivi del fascismo totalitario sono molti, e probabilmente possono essere meglio compresi se consideriamo l’intreccio tra cultura e politica, che fu all’origine, nell’età contemporanea, di un potente mito rivoluzionario, cioè la degenerazione dell’uomo attraverso la politica. La politica rivoluzionaria assumeva così la missione di definire il significato e il fine ultimo dell’esistenza umana, quanto meno su questa terra, e quindi di rigenerare l’umanità e creare un uomo nuovo. Io credo che la volontà di rigenerare e di plasmare l’uomo sia un’aspirazione intima di molti intellettuali. Non so se questo significa, come Lei scrive, che il motore dell’esperimento totalitario sia « nei piani alti della metafisica ». Penso che il motore degli esperimenti totalitari del ventesimo secolo sia stato interamente umano e mondano, anche se, proprio per la sua pretesa di totalità e di palingenesi umana, questi esperimenti sono apparsi, e sono stati vissuti soprattutto da molti intellettuali che vi parteciparono, come tentativi di “assalto al cielo”.

Aurea Domus - Metafisica e teologia cattolicaGiovanni Gentile fu il più importante degli intellettuali italiani sedotti dal mito rivoluzionario della rigenerazione attraverso la politica. Io penso che la sua concezione militante della filosofia, la sua visione della storia italiana dal Risorgimento in poi, come una lunga preparazione alla rigenerazione del carattere italiano, contribuirono effettivamente all’elaborazione e all’attuazione dell’esperimento totalitario, che fu seducente come una impresa “grandiosa”. E forse proprio il fascino di questa “grandiosità”, insieme al corteggiamento di un potere generoso di denaro verso gli uomini di cultura e gli artisti, rende ancor più ammirevole la dignità dei pochi intellettuali che seppero resistere e furono sempre antifascisti.

Aurea Domus - Metafisica e teologia cattolicaNon credo invece che si possa asserire che « la filosofia crociana covò il fascismo ». Croce errò, in principio, come gran parte dei liberali, nel credere che i fascisti potessero servire a restaurare lo Stato liberale. Ma quando comprese il suo errore, nel 1924, divenne aperto e deciso nemico del fascismo, trovandone le ragioni nella sua stessa filosofia, cioè in una concezione della vita che negava il primato della politica, e quindi rifiutava il machiavellismo assurto a professione di fede. La critica di Croce alla democrazia non era una critica antiliberale, come lo era invece quella fascista. Croce fu un teorico del realismo politico, e molti intellettuali fascisti, a cominciare da Gentile, lo considerarono un “fascista” suo malgrado, perché, secondo loro, li aveva educati al disprezzo della democrazia e al culto della violenza. Ma considerare, per questo, Croce responsabile del fascismo sarebbe come attribuire al geologo che studia realisticamente i fattori che provocano i franamenti, la responsabilità delle frane provocate dagli artefici di un disboscamento dissennato.

Emilio Gentile

____________________________________________

BREVE REPLICA.


Aurea Domus - Metafisica e teologia cattolicaCome per tutte le discipline scientifiche, se un geologo sfugge ad alcuni parametri, se preme su alcuni fattori più che su altri, se snerva alcuni princìpi della sua scienza per favorirne altri, qualche responsabilità sulle conseguenze che la sua piattaforma scientifica avrà avuto in geologia ce l’avrà: dei successi come dei dissesti.

Aurea Domus - Metafisica e teologia cattolicaCroce e la sua filosofia, dice Amerio, avrebbero una responsabilità nei confronti del fascismo per il motivo che il fascismo sarebbe frutto proprio di quell’immanentismo assoluto perseguito da Croce con un’insistenza piuttosto anticattolica. Se in Italia non si fosse respirata quella cultura (anzi: quell’ideologia) tutta immanentista che Croce aveva mediato da Hegel, il giovane Fascio non avrebbe trovato punto terreno favorevole allo sviluppo del suo pessimo seme. Croce aderì al fascismo e poi lo sconfessò credendo di trovare nella sua stessa filosofia i motivi della sconfessione, ma appunto questo dimostra Amerio: che non li trovò perché non poteva trovarli.

Aurea Domus - Metafisica e teologia cattolicaCon la « filosofia dello spirito » Croce si peritò di eliminare, in particolare, ogni residuo di quella trascendenza che ancora gli sembrava macchiasse l’idealismo di Hegel, di Schelling, dello stesso Gentile: in Hegel con la distinzione tra l’Idea e le sue realizzazioni; in Schelling tra Assoluto e relativo; in Gentile tra l’Io trascendentale e l’io empirico. Nel sistema crociano, una vera filosofia immanentistica, per essere tale, deve affermare l’identità assoluta tra l’Idea dell’Assoluto e l’Io del mondo, cioè la Storia. Vero immanentismo è lo « storicismo assoluto », per il quale la realtà dello Spirito è la Storia e nient’altro che la Storia. Come dice l’Abbagnano, « si nega l’esistenza di un mondo di valori al di sopra del mondo storico ». L’identità è: Spirito = Storia.

Aurea Domus - Metafisica e teologia cattolicaDunque il Nume è la Storia. Cioè l’atto. Che in ciò sia insita l’idea di grandiosità di cui parla Emilio Gentile, va da sé. Quando io, nel mio studio di prossima pubblicazione (Scusi, posso dirle la verità? Romano Amerio e il ferimento del Verbo divino), dico che il filosofo Romano Amerio non ha approvato il fascismo a causa dei risvolti metafisici che comportava, dico che la sua integrità politica dipese da una previa dirittura morale, poiché egli non permise che la teoretica da fare sulle essenze (dare al Verbo divino, all’Idea, la primalità assoluta, e all’atto, alla volontà, alla storia, il posto secondo) venisse macchiata da qualsivoglia “passione”.

Aurea Domus - Metafisica e teologia cattolicaPassione che per i Moravia, i Bobbio, i Lajolo, i Zangrandi furono, come scrive Gentile, « la volontà di rigenerare e di plasmare l’uomo », o « il corteggiamento di un potere generoso di denaro verso gli uomini di cultura e gli artisti », di entrambi matrice il connubio tra superbia intellettuale e superbia politica, equamente ripartita tra le parti collidenti. Croce fu certo alieno dalla seconda, ma la prima che ruolo ha avuto nella sua filosofia? La filosofia dell’immanenza venne congetturata proprio al fine « di rigenerare e di plasmare l’uomo » senza l’intrusione di Dio e della religione.

Aurea Domus - Metafisica e teologia cattolicaFa dunque bene Emilio Gentile ad apprezzare « la dignità dei pochi intellettuali che seppero resistere e furono sempre antifascisti », ma se, primo), non coglie il nesso tra la (vera, unica e madre di ogni altra) causa e un suo facile effetto; secondo) non avvalora in nomi e cognomi i pochi uomini che con azioni intellettuali prima che politiche indicarono la sede dell’errore; terzo), non umilia quegli altri pensatori che con azioni intellettuali indicarono come verità da perseguire quelle che erano solo terribili storture anche filosofiche, non conclude fino a dove dovrebbe concludere l’opera di filosofi come De Felice, e (aggiungo io), come Romano Amerio.

Aurea Domus - Metafisica e teologia cattolicaFino a quando non si riconosceranno i falli del geologo, è possibile che qualcheduno trovi in quel suo particolare sistema geologico un impianto grandioso, affascinante, rivoluzionario, che lo potrebbe convincere a disboscamenti e a opere dissennate forse non del tutto previste, in sé, dal geologo, ma molto conseguenti l’impostazione da lui svoltata alla geologia. Ma possono gli intellettuali impostare i loro grandi sistemi scientifici e filosofici senza valutarne le molto implicite e spesso quasi ovvie conseguenze?


E. M. R.


Aurea Domus - Metafisica e teologia cattolicaUna postilla. Il signor Emilio Gentile inizia la sua risposta correggendomi, di modo che il lettore sùbito si fa di me l’idea di un interlocutore dalle idee confuse, incapace di far bene anche solo una citazione. Ma non è così: la citazione che io avrei attribuito erroneamente a De Felice, e non a lui, è invece proprio sua, del De Felice, come si ricava dal contesto che qui riporto, nel quale Gentile trascrive due passi di De Felice e, tra i due, pone solo, di suo, un banale raccordo esplicativo (“L’esperimento si basava su”): « Questo esperimento di rigenerazione fu messo in opera da “una classe di moderni Platoni, i quali volevano costruire uno Stato organico e dinamico, e consideravano la politica come valore assoluto fine a se stesso”. L’esperimento si basava su “l’affermazione del primato dell’azione politica ».
Aurea Domus - Metafisica e teologia cattolicaCome si vede, il concetto del primato politico è di De Felice non una volta, ma addirittura due.

* * *

(Pagina protetta dai diritti editoriali.)

* * *

 Inizio pagina

HOMEPAGE · CONVIVIUM · ACÙLEUS · HORTUS · GYMNASIUM
ROMANO AMERIO · EIKÒNA · THESAURUS · CALENDARIUM 

Sito realizzato da BLUQUADRO