cerca nel sito Enrico Maria Radaelli
Sito di metafisica e teologia per un progetto culturale cattolico Aurea Domus Aurea Domus Aurea Domus

HOMEPAGE > GYMNASIUM INDICE >
AD SILENTIUM PASTORUM /2


A
D SILENTIUM PASTORUM.


PERCHÉ SIA ROTTO IL SILENZIO DEI PASTORI DELLA CHIESA
INTORNO AL LIBRO IL MISTERO DELLA SINAGOGA BENDATA.
(Pagina 2)

Aurea Domus - Metafisica e teologia cattolica(Segue da p. 1) 2. Il libro Il Mistero della Sinagoga bendata raccoglie la dottrina esposta da sant’Ambrogio, sant’Agostino, san Tommaso e, attraverso di loro, dal Magistero della Chiesa, intorno alla santissima Trinità di Dio. Infatti esso non è nient’altro che una silloge: se la dottrina dice 1 [Summa Theol., I, q. 1, a. 8: Se la dottrina sacra proceda con metodo argomentativo. Si veda poi al punto 5, ibidem, II-II, q. 2, a. 10.] che bisogna difendere anche razionalmente il Dogma, e che ogni cosa contraria ad esso è solubile – razionalmente solubile – allora oggi il Dogma va difeso quando dice Dio uno e trino, allontanando dalla Trinità ogni accostamento o identificazione con i monoteismi non trinitari: il giudaico e l’islamico, insegnamenti, questi, compiuti da altissime autorità ecclesiastiche e da masse di fedeli che professano la credenza nel « Dio delle tre grandi religioni monoteiste » quasi fosse un dogma.

Aurea Domus - Metafisica e teologia cattolicaIl libro, al contrario, in realtà non fa altro che confermare e ragionevolmente razionalizzare il primo articolo di fede, la cui importanza recentemente fu sottolineata anche dal cardinale Camillo Ruini: che « la Trinità di Dio non sia una semplice appendice cristiana alla fede comune delle grandi religioni monoteiste, ma al contrario costituisca il nucleo centrale e generatore della comprensione cristiana di Dio e dell’uomo, del mondo e della storia ». 2 [« Famiglia Cristiana » n. 15, 14 aprile 1993, pag. 5, supplemento Perché crediamo in Dio.]
Aurea Domus - Metafisica e teologia cattolicaOltre a confermare la necessità di stabilire le ragioni teologiche – scientifiche – per cui quando si dice Dio si dice Trinità e, sulla scorta degli studi di teologi qualificati come Ambrogio, Agostino, Tommaso, dicendo Dio altro non si può intendere, il libro propone nella fattispecie anche alcuni argomenti dimostrativi della tesi.
Aurea Domus - Metafisica e teologia cattolicaPerò la valutazione della bontà della tesi va disgiunta dalla valutazione della bontà degli argomenti.

Aurea Domus - Metafisica e teologia cattolica3. Ma non solo il libro dice questo, ma sono i suoi lettori che dicono che il libro dice questo: lo dice l’introduttore del libro, monsignor Antonio Livi, Decano della Pontificia Università Lateranense e ivi professore di Filosofia della Conoscenza; lo dice il provinciale rosminiano padre Umberto Muratore; lo dice il professor Pierpaolo Ottonello, ordinario di Filosofia teoretica all’Università Statale di Genova; lo dice il professor Dario Sacchi, professore di Filosofia teoretica alla Cattolica di Milano; lo dice il professor Andrea Dalledonne, associato di Filosofia medievale alla Statale di Perugia; lo dice il professore Tommaso Federici, oggi scomparso, professore di Teologia biblica all’Urbaniana; lo dice padre Ennio Innocenti; lo dice padre Curzio Nitoglia su sodalitium; lo dice monsignor Alessandro Persichetti, Canonico di San Giovanni in Laterano; lo dice, su « L'Espresso », il vaticanista Sandro Magister, che inserisce il libro in ciò che egli chiama « la Grande Tradizione, rappresentata da Romano Amerio, dal cardinale Siri, da monsignor Gherardini », il che, per un giornalista cattolico che scrive su un giornale notoriamente anticlericale, è notevole; 3 [Tra i lettori del libro che riconoscono l’importanza della sua tesi vanno annoverati anche i “cattolici del dissenso” dell’agenzia di stampa ADISTA, i quali, nel n. 5726 (marzo 2003), sottolineano la pubblicità che se ne fa su « L’Avvenire », organo ufficiale dei vescovi italiani. Essi, dopo aver attaccato per decenni il Magistero e tutti coloro che si mostravano fedeli ad esso, qui si mostrano scandalizzati: « Ecco l’accusa a Wojtyla: tradimento della verità cattolica su Dio »; toni scandalistici, come si vede, ma che in nulla infirmano la tesi trinitaria prodotta, che essi riferiscono in estrema sintesi.] lo dice ora lo stesso monsignor Brunero Gherardini, sul n. 3 del 2003 della sua rivista « Divinitas », per mano del prof. Remo Lavatori, dell’Università Urbaniana.
Aurea Domus - Metafisica e teologia cattolicaIl largo ventaglio delle posizioni religiose e teologiche di questi apprezzatori sembrerebbe garantire il senso comune cattolico su cui poggia lo studio, come lo studio stesso prospettava: porre al servizio di un articolo di fede un’adeguata dottrina è cosa talmente infusa nella bimillenaria prassi cattolica che persino le posizioni più compromesse con l’ecumenismo fondamentalista del concilio Vaticano II riconoscono a Il Mistero della Sinagoga bendata l’adamantina correttezza dell’impostazione apologetica tenuta.

Aurea Domus - Metafisica e teologia cattolica4. Ma alcuni pastori, al cui alto parere è stato sottoposto il libro, malgrado ciò preferiscono tacere, anche dopo essere stati insistentemente sollecitati e anche dopo aver potuto riflettere sulle parole inequivocabili dell’Introduttore al libro, monsignor Antonio Livi.
Aurea Domus - Metafisica e teologia cattolicaIl libro è stato sottoposto anche all’attenzione del cardinale Joseph Ratzinger. Il Prefetto, pur declinando cortesemente l’invito a una sua formale presentazione, non ha però censurato il lavoro, né si è mostrato contrariato che alcune sue parole siano criticate sul piano teologico. Non si può che felicitarsi che non l’abbia fatto. Se il Prefetto avesse ritenuto il libro discutibile sul piano dottrinale, certo non avrebbe mancato di segnalarlo all’autore, data la sua posizione.
Aurea Domus - Metafisica e teologia cattolicaCosicché molti sacerdoti e fedeli si chiederanno perché i più alti pastori della Chiesa lascino stendere una coltre di silenzio su un libro che tratta ragionevolmente di temi tanto importanti. Tacciono anche i giornali cattolici, i loro direttori, recensori, vaticanisti, obbedienti al dettato di pastori da cui si dovrebbe dissentire per unirsi ad un più alto dettato, quello dello stesso Sommo Pontefice, che più e più volte sollecita i fedeli a non abbandonarsi a facili irenismi.

Aurea Domus - Metafisica e teologia cattolicaAutorità ecclesiastiche e fogli cattolici non sembrano interessati a diffondere una metafisica trinitaria contro l’antidogmatismo e l’indifferentismo, una metafisica che rimuova « il rischio del sincretismo e di un facile e ingannevole irenismo » (TMA, § 53). Ma in tal modo contrasterebbero patentemente i desideri di Sua Santità Giovanni Paolo II, malgrado un’autorità come Antonio Livi si sia spesa senza riserve a suo sostegno e mostri come la Pontificia Università Lateranense sia ancora una volta davvero e in senso pieno “l’Università del Papa”, capace di seguire le più profonde indicazioni del Sommo Pastore anche con il rischio di dover così far ridiscutere alcune prassi teologiche non in linea con quelle sante indicazioni.
(Vai alla pagina 3 di 3)

* * *

(Pagina protetta dai diritti editoriali.)

* * *

Inizio pagina

HOMEPAGE · CONVIVIUM · ACÙLEUS · HORTUS · GYMNASIUM
ROMANO AMERIO · EIKÒNA · THESAURUS · CALENDARIUM 

Sito realizzato da BLUQUADRO