cerca nel sito Enrico Maria Radaelli
Sito di metafisica e teologia per un progetto culturale cattolico Aurea Domus Aurea Domus Aurea Domus

HOMEPAGE > CONVIVIUM INDICE >
POSTFAZIONE A IOTA UNUM.

Enrico Maria Radaelli *

“tUTTA LA cHIESA IN UNO IOTA”..

Postfazione di Enrico Maria Radaelli
a Iota unum. Studio delle variazioni della Chiesa cattolica nel secolo XX
,
di Romano Amerio.

Questo è il secondo testo in cui qualcuno porta a luce meridiana
la soluzione che Romano Amerio dà al problema da lui stesso sollevato
posto dalla « dislocazione della divina Monotriade »,
o « ripudio del Filioque », o « perdita delle essenze », nella Chiesa.

Per richiedere il libro (pp. 752, € 29)
rivolgersi a Lindau oppure qui con una .

 

La copertina

Aurea Domus - Metafisica e teologia cattolicaIl punto saliente della Postfazione al libro di Romano Amerio Iota unum. Studio delle variazioni della Chiesa cattolica nel secolo XX, Lindau, Torino 2009 (seguìta all’emerita Ricciardi, da tempo esaurita) è avere portato finalmente alla luce la soluzione alla presente grave “crisi di continuità” della Chiesa, anche se tale soluzione l’Autore avrebbe forse dovuto porla in maggiore rilievo, dedicandogli un paragrafo, o un capitolo, o forse anche un intero libro (ma era pur sempre stata messa tra le prime pagine del volume: p. 28 Lindau {p. 16 Ricciardi}). Si tratta della « legge stessa della conservazione storica della Chiesa » [marcatura dell’Autore].
Aurea Domus - Metafisica e teologia cattolicaCosa scrive Amerio? « La Chiesa – scrive – non va perduta nel caso non pareggiasse la verità, ma nel caso perdesse la verità [marcature dell’Autore]»; nella Postfazione non si tralascia poi di evidenziare la causa formale del tentativo di discontinuità perseguito dal magistero pastorale degli ultimi cinquant’anni, individuata da Amerio in una « dislocazione della divina Monotriade », che è a dire in una « negazione delle essenze, cioè nella negazione del Verbo » [p. 315 Lindau {pp. 295-6 Ricciardi}, pp. 678 sgg.; cfr. anche, di chi scrive, Romano Amerio. Della verità e dell’amore (§ 16, Le Interviste: intervista a « Sì sì no no » del 31-1-1987), p. 244, o, ancora, Romano Amerio. Verità e Tradizione].

* * *

Aurea Domus - Metafisica e teologia cattolicaLa Postfazione a Iota unum, sintetizzando tutta la tesi del libro, mostra che le ermeneutiche, o letture, del Vaticano II oggi sono tre:

Aurea Domus - Metafisica e teologia cattolica– la prima
: è l’ermeneutica sofistica estrema della “scuola di Bologna” (da Dossetti ad Alberigo e poi Melloni) e in generale di tutta la “nouvelle théologie” (Congar, Daniélou, De Lubac, Rahner, Schillebeeckx, von Balthasar ecc.); è ateoretica, dunque opinativa; essa promuove e spera la discontinuità e la rottura delle essenze tra Chiesa precedente e Chiesa seguente il Vaticano II sotto la copertura delle equivocità testuali;

Aurea Domus - Metafisica e teologia cattolica– la seconda: è l’ermeneutica sofistica moderata dei Papi che hanno promosso, attuato e poi seguìto il concilio; è anch’essa ateoretica, dunque non può rientrare (e di fatto non rientra) nel dogma: non è vincolante; al contrario però della prima, che peraltro la formò e produsse, essa studia in tutti i modi di dare continuità tra essenza pre e post conciliare, cercando di piegare al senso della Tradizione le anfibologie e le equivocità testuali di cui si è detto;

Aurea Domus - Metafisica e teologia cattolica– la terza: è l’ermeneutica veritativa di Amerio e, in generale, di tutti quei cattolici sospinti (ma solo dopo l’assise del Vaticano II) nel cosiddetto “tradizionalismo”; essa è teoretica, dunque indiscutibile e, nella misura in cui si appoggia alla Tradizione, vincolante; essa riscontra e denuncia nel Vaticano II il tentativo di rottura e di discontinuità con l’essenza; va aggiunto, peraltro, che, per fede, l’irrealizzabilità di tale tentativo è da tutti i resistenti al concilio (all’infuori dei cosiddetti “sedevacantisti”) assolutamente creduta e da Amerio, come sopra accennato e nella Postfazione evidenziato (§ 3 b, pp. 698 sgg), anche solidamente dimostrata, di modo che il Trono più alto e tutta la Chiesa ne possano tornare al più presto a beneficiare.

Aurea Domus - Metafisica e teologia cattolicaDunque, riassumendo la tesi di Iota unum e ciò che la presente Postfazione ne fa emergere, una “ermeneutica della continuità”, ossia che mostri continuità, tra pastorale Vaticano II e dogmatica Tradizione, non esiste, non si può dare sotto alcun rispetto, e questa è l’unica condizione cui conducono le prove prodotte in Iota unum, per mantenere l’essenza della Chiesa in se stessa (a meno che il Papa stesso avalli dogmaticamente o con “interpretazione autentica” le pagine mere pastorali dei documenti del Vaticano II e del magistero successivo, v. la soprannaturale armonia tra intelletto e realtÀ, Postfazione a: Romano Amerio, zibaldone, Lindau, Torino 2010, § 8, Il magistero della verità, p. 527 sgg.).

* * *

Aurea Domus - Metafisica e teologia cattolicaNel 1985, allorché Romano Amerio, insigne letterato e umanista luganese, pubblicò Iota unum. Studio delle variazioni della Chiesa cattolica nel secolo XX, fu accusato di essere tanto contrario al concilio Vaticano II, che Mario Agnes, all’epoca direttore de « L’Osservatore Romano », avendo richiesto una recensione all’allora Prefetto della Pinacoteca e Biblioteca Ambrosiana, monsignor Angelo Paredi, una volta viste le pur caute, guardinghe, ma sostanzialmente ben disposte pagine ricevute da Milano, le cestinò (esse peraltro possono leggersi in ROMANO AMERIO. della veritÀ e dell’amore., pp. 269 sgg.).
Aurea Domus - Metafisica e teologia cattolicaOggi l’autorevole quotidiano, con i tempi più atti a riflettere sulla recente e più controversa storia della Chiesa, ha voluto compiere la scelta opposta: su Amerio e sulla sua teologia ha deciso non più di tacere, ma di parlare, così che nello spazio di alcuni mesi sono stati pubblicati importanti articoli (l’ultimo, Per nazismo e comunismo in principio non è il verbo ma l’azione, dello scorso 18 marzo) che vogliono mettere in luce quello che può essere considerato un contributo positivo del teologo luganese alla riflessione cattolica.
Aurea Domus - Metafisica e teologia cattolicaLa prima occasione è stata offerta da un Convegno su Amerio promosso il 9 novembre 2007 ad Ancona dal locale Centro Studi Oriente Occidente, in occasione del decennale della scomparsa del pensatore svizzero. Il giorno dopo il “giornale del Papa”, oltre a pubblicare le conclusioni di uno dei relatori, monsignor Agostino Marchetto, dava bella evidenza al Convegno con un intervento in centro pagina di una sua firma storica, Raffaele Alessandrini (v. commenti, riportato dopo l’intervento di Sandro Magister).
Aurea Domus - Metafisica e teologia cattolicaIl 18 marzo 2009, ancora l’Alessandrini, venuto a conoscenza dell’importante inedito sul “Filioque” custodito da Radaelli come curatore delle opere edite e inedite del Luganese, e avendone ricevuta copia dal medesimo, tornava nuovamente sulle tesi di Amerio, apprezzandone la preveggente critica contro il “processo di secolarizzazione in atto anche all’interno del mondo cristiano” e contro i “rischi del relativismo dilagante”: critica mossa in nome del “primato della verità sull’amore”, caposaldo del pensiero dell’autore luganese, come Radaelli aveva ampiamente fatto emergere e mostrato nelle sue conferenze e nella sua monografia sul Maestro.
Aurea Domus - Metafisica e teologia cattolica« L’interrogativo di fondo posto da Amerio in “Iota unum” – scrive l’Alessandrini riprendendo le parole dello stesso Amerio – è il seguente: “Tutta la questione circa il presente stato della Chiesa è chiusa in questi termini: è preservata l’essenza del cattolicesimo? Le variazioni introdotte fanno durare il medesimo nella circostanziale vicissitudine oppure fanno trasgredire ad aliud? [...] Tutto il nostro libro è una raccolta di prove di tale transito.” » (p. 626 e, nella Postfazione, p. 689).
Aurea Domus - Metafisica e teologia cattolicaRomano Amerio fu ostracizzato come emblema della “reazione anticonciliare”, ma oggi anche in Vaticano qualcuno è disposto a prendere in nuova considerazione il suo pensiero, specie il punto della « dislocazione della divina Monotriade ».
Aurea Domus - Metafisica e teologia cattolicaIntanto, a metà luglio le edizioni Lindau di Torino hanno pubblicato la riedizione della sua opera fondamentale “Iota unum. Studio delle variazioni della Chiesa cattolica nel secolo XX”, (pp. 752, euro 29) e in contemporanea “Stat Veritas. Seguito a «Iota unum»” (pp. 272, euro 19,50), il primo con Prefazione del cardinale Dario Castrillon Hoyos, Prefetto emerito della Pontificia Commissione Ecclesia Dei, entrambi a cura e con Postfazione di Enrico Maria Radaelli, filosofo dell’estetica e massimo esperto oltre che discepolo di Amerio.
Aurea Domus - Metafisica e teologia cattolicaLa stessa casa editrice intende pubblicare nei prossimi anni, con la curatela di Radaelli, tutta l’opera scientifica edita e inedita del professore luganese.

* * *

ABSTRACT DALLA POSTFAZIONE.

Aurea Domus - Metafisica e teologia cattolicaTre sono i punti su cui maggiormente risuonano le problematiche suscitate dalla lettura di Iota unum e che suggeriscono di porre, in righe fuori del paniere dunque come queste, le prime basi all’indagine scientifica che si diceva: un primo, intrinseco al libro, è l’individuazione del concetto cardine – ovviamente: vi è un concetto cardine, e metafisico, come in ogni libro di Amerio – da cui ha preso avvio la sua stesura; un secondo, ancora intrinseco, chiarisce, col quadro di tutte le più pertinenti pericopi con cui l’Autore tratta la cosa, se per lui davvero si sono o non si sono verificate tutte le condizioni necessarie alla realizzazione delle « variazioni della Chiesa cattolica » riscontrate; un terzo, infine, solo in parte esogeno, illustra il rapporto tra Autore e Magistero, desumibile a partire proprio da alcuni rilievi che Amerio fa in Iota quasi di tangente (ma decisivi), non essendo precisamente ciò il tema del libro: è il problema dell’autorità, finale e vitale problema per chiunque si pone in un orizzonte critico rispetto al Magistero, che costui poi passi o invece non passi a un giudizio.

Enrico Maria Radaelli

* * *

DALLA PREFAZIONE DEL CARD. DARIO CASTRILLON HOYOS.

Aurea Domus - Metafisica e teologia cattolica« Romano Amerio ci ha aiutato a discernere e ammirare l’inalterabile identità della nostra Chiesa ».

Card. Darío Castrillón Hoyos

* * *

DALLA QUARTA DI COPERTINA.

Aurea Domus - Metafisica e teologia cattolica« Romano Amerio si rivela essere ancora una volta il pensatore più attuale e vivificante del momento. Con il garbo teoretico che contraddistinse tutti i suoi scritti egli offre con Iota unum un pensiero molto costruttivamente cattolico, colmando uno spazio filosofico e teologico altrimenti incerto su interrogativi gravi: egli individua e indica che nella Chiesa una crisi c’è, ed è crisi che pare anche sovrastarla, ma mostra che non l’ha sovrastata; che pare rovinarla, ma ancora non l’ha rovinata; individua poi e indica con chiarezza la causa prima di questa crisi in una variazione antropologica e prima ancora metafisica; individua e indica infine gli strumenti logici (iscritti nel Logos) necessari e sufficienti (eroicamente sufficienti, ma sufficienti) per superarla ».

Enrico Maria Radaelli

“IOTA UNUM”: DESCRIZIONE DELL’OPERA.

Aurea Domus - Metafisica e teologia cattolicaPubblicato nel 1985, frutto di una ricerca protrattasi per circa mezzo secolo, Iota unum è l’opera più complessa e profonda del grande studioso cattolico Romano Amerio, una riflessione serrata e sistematica sul Magistero della Chiesa novecentesca (in particolare conciliare) e, insieme, un’aggiornata summa metafisica cattolica (e il senso ultimo di questa summa, il suo apax, si trova tutto in Stat Veritas).
Aurea Domus - Metafisica e teologia cattolicaContro molte scuole di pensiero formatesi nel dopoguerra, soprattutto dopo quel concilio Vaticano II esaltato come « rottura e nuovo inizio », come una « nuova Pentecoste » della Chiesa (non solo l’“officina bolognese” di Dossetti, ma tutto il Nord Europa), Romano Amerio ripropone con forza il primato della Verità sull’Amore – come insegnato a partire dagli Evangeli, da san Giovanni Apostolo e san Paolo, e poi da sant’Agostino – per cui in Dio all’essere seguono prima l’intelligere e poi l’amare, e non viceversa.
Aurea Domus - Metafisica e teologia cattolicaPer Amerio mutare quest’ordine significa indurre l’uomo ad agire non più mosso dal pensiero, ma dal sentimento, in una condizione di libertà illusoria.
Aurea Domus - Metafisica e teologia cattolica« La celebrazione indiscreta che la Chiesa e la teologia ammodernata fanno dell’amore è una perversione del dogma trinitario, perché […] la nostra fede porta che in principio sia il Padre, il Padre genera il Figlio, che è il Verbo, e, dal Padre e dal Figlio, si genera lo Spirito Santo, che è l’amore. L’amore è preceduto dal Verbo, è preceduto dalla conoscenza. Separare l’amore, la carità, dalla verità, non è cattolico ».

* * *

(Pagina protetta dai diritti editoriali.)

* * *



Per ordinare il libro rivolgersi a Enrico Maria Radaelli con una .

* * *

Inizio pagina

HOMEPAGE · CONVIVIUM · ACÙLEUS · HORTUS · GYMNASIUM
ROMANO AMERIO · EIKÒNA · THESAURUS · CALENDARIUM 

Sito realizzato da BLUQUADRO